“Fino a quando non diventerai consapevole di ciò che porti nel tuo inconscio, quest’ultimo dirigerà la tua vita e lo chiamerai destino ” Carl G. Jung

Contratti familiari o lealtà invisibili sono un insieme di credenze incise nel nostro inconscio che sono state ereditate dal nostro gruppo familiare. Sono idee che i nostri genitori, nonni, bisnonni ci trasmettono e che non mettiamo in discussione, accettiamo come vere.

Carl Jung, afferma che la parte cosciente rappresenta solo il 5% della nostra personalità mentre la parte inconscia rappresenta il 95%. La sfida è renderci conto che tutte le nostre esperienze, gioie, dolori, successi ed errori – tutta la nostra storia si basa su informazioni archiviate nel nostro inconscio.

Va detto che la lealtà familiare non è né buona né cattiva. Secondo Freud, se questa informazione non potesse essere trasmessa di generazione in generazione, i bambini inizierebbero da zero e non avremmo la possibilità di progredire.

Di fronte alla lealtà familiare, dobbiamo diventare osservatori, senza giudizio, comprendendo che le informazioni che abbiamo ereditato e che si trovano nell’inconscio, sono lì per usarle nel modo migliore, non per limitarci. Ognuno ha il diritto di scegliere e vivere la propria vita senza legami, complessi o sensi di colpa.

Tutti abbiamo un bisogno fondamentale di appartenere a qualcosa. Quella sensazione di solidarietà e impegno nei confronti della famiglia è naturale. Le tre generazioni prima di te sono considerate quelle che influenzano la tua vita, anche se non le conosci o sei morta.

Il problema sorge quando ripetiamo inconsapevolmente esperienze negative. Molte volte ci troviamo a fare cose che non sappiamo nemmeno perché le facciamo. Scegliamo la carriera che hanno intrapreso tutti in famiglia (anche se non ci piace), ci sposiamo alla stessa età della madre e della nonna anche se non troviamo il partner ideale, ecc. È indispensabile trascendere  da questa informazione che si manifesta automaticamente come programmazione che domina i nostri comportamenti e azioni.

 

Arriva un momento in cui dobbiamo smettere di essere fedeli al nostro clan familiare, responsabilizzarci e fare una pausa. Quando c’è uno schema, cioè quando qualcosa si ripete, è perché c’è un programma attivato, un contratto invisibile.

Inoltre, tutte le informazioni trovate nell’inconscio hanno una risonanza, vibrano e attirano nella nostra vita le circostanze, le persone e le situazioni che si ripetono  alla stessa frequenza. Quindi, se vogliamo cambiare quelle situazioni, persone e circostanze, dobbiamo trasformarci e cambiare le nostre percezioni e credenze. La causa è in noi stessi. A volte semplicemente cambiando qualcosa stiamo già guarendo e rilasciando gli schemi.

riparatori

Ci sono persone che riescono a riparare quei conflitti ancestrali della loro famiglia, ci permettono di fare quella pausa per aiutare il resto del clan e le generazioni future a trascendere e liberarsi.

Sono persone che non sono conformiste, che cercano modi per progredire, sono diverse dalle persone che le circondano e a volte non si adattano perché  agendo diversamente – possono persino essere viste come le pecore nere).

In numerologia, i riparatori si distinguono perché hanno numeri di vita principali (11, 22, 33). Per conoscere il tuo numero principale devi aggiungere le cifre della tua data di nascita.

Guarisci lealtà invisibili

Che tu abbia scoperto di essere la persona riparatrice nella tua famiglia o no, hai il diritto di liberarti dai pesi che non ti corrispondono e di assumere la tua vita senza colpa e senza paura. Esistono diversi modi per sbarazzarsi di quelle lealtà limitanti, qui ti offro un paio di opzioni:

Hoponopono: Frasi che ci aiutano a riconoscere e onorare i nostri antenati, per ringraziarli, ma per informarli che vogliamo rompere quel contratto ed essere totalmente liberi.

Le quattro frasi chiave di Hoponopono sono: Scusa, perdonami, ti amo, grazie . Il lavoro deve essere fatto privatamente, non è necessario dirlo direttamente alla persona, basta vederlo o guardare una fotografia e pronunciare le quattro parole di guarigione per liberarti. Caro nonno / Mi dispiace di non aver seguito la tua stessa professione, perdonami se ti ho deluso in qualche modo, voglio che tu sappia che ti amo e ti ringrazio per tutto quello che hai rappresentato nella mia vita e per avermi permesso di liberarmi e realizzarmi . L’esercizio dovrebbe essere fatto con ogni membro della famiglia con cui pensi di poter avere un contratto invisibile.

Rituali simbolici di rottura: un rituale bello e significativo è quello di scrivere una lettera a ogni persona della tua famiglia con la quale devi rompere un contratto invisibile. Puoi spiegare perché lo fai e dire quanto vuoi raggiungere la tua crescita ed evoluzione personale.

Quando si tratta di familiari vivi, a volte è possibile parlare con loro e spiegare perché vogliamo rompere con una “tradizione”. Parlare con loro può aiutarli a capire e accettare.

RICONOSCI LA LEALTÀ O I CONTRATTI FAMILIARI PER CURARLI